MUSEI, MEMORIE E NARRAZIONI PER LA SALUTE MENTALE. A Roma Gli Stati della Mente porta la propria esperienza di Community Engagement

II Convegno – Musei, memorie e narrazioni per la salute mentale

ROMA – PIAZZA S. MARIA DELLA PIETA’ 7- 8  NOVEMBRE 2019

Museo Laboratorio della Mente – ASL Roma 1
Museo del Manicomio – San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia
Con il patrocinio di
ICOM ITALIA
MiBAC
MINISTERO DELLA SALUTE

La prosecuzione del programma di collaborazione tra il Museo Laboratorio della Mente (ASL Roma 1) e il Museo del Manicomio (San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia), avviato nel 2018 con il I Convegno Musei, Memorie e Narrazioni per la salute mentale nell’Isola di San Servolo, ha permesso di sviluppare ulteriori attività e collaborazioni istituzionali permettendoci di dare continuità  a questa iniziativa che si propone come proficuo momento di incontro e di condivisione delle esperienze che contribuiscono a realizzare, con e per la cittadinanza, un nuovo modo di leggere e comunicare il disagio psichico, promuovendo conoscenza  e benessere.

Anche quest’anno musei, aziende sanitarie, cooperative e associazioni culturali che realizzano attività legate al “paesaggio culturale degli ex ospedali psichiatrici e alla salute della comunità” sono i protagonisti di questo Convegno. Come evidenziato dalla Carta di Siena (ICOM, 2014) i musei costituiscono un punto di forza di un nuovo e diverso modello di tutela attiva del patrimonio culturale. Un museo pienamente responsabile del paesaggio culturale interviene su di esso per proteggerlo e conservarlo in quanto entità materiale e per interpretarlo e valorizzarlo in quanto entità immateriale mettendo in campo tutte le risorse  economiche, umane e intellettuali necessarie a questo scopo. Musei diffusi per la salute mentale che vanno oltre le loro mura per aprirsi al territorio, capaci di narrare la comunità e la città, sviluppando azioni che coinvolgono servizi socio-sanitari, scuole, enti locali e risorse culturali (archivi, biblioteche, festival e incontri per la salute mentale), parchi urbani, architetture, piazze, strade divenendo luoghi di promozione di benessere, coesione sociale e appartenenza.

L’ideatrice del progetto Gli Stati della Mente, Petra Cason, porterà a Roma l’esperienza vicentina, all’interno della sessione SALUTE MENTALE E COMMUNITY ENGAGEMENT.
Nel 2016 e nel 2018, quasi senza soluzione di continuità, il Festival ha creato numerose occasioni per coinvolgere attivamente il pubblico. Partecipando in prima persona agli eventi culturali, ai laboratori, gli incontri, i dibattiti, le occasioni di scambio e di riflessione, lo spettatore si è fatto si è fatto esso stesso interlocutore, e promotore del “concept” del Festival: la tutela della salute mentale deve uscire dai luoghi deputati alla cura per entrare in contatto con il maggior numero possibile di persone, abbattere i tabù, superare lo stigma. Gli Stati della Mente l’ha fatto attraverso il linguaggio dell’arte, trovando porte – e menti – aperte e pronte ad accoglierlo.

 

SCARICA IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO